I più visti

GLI ANTICHI CONOSCEVANO GIA' LA “PILLOLINA BLU”

Molti racconti, miti e leggende si sono susseguite sul "frutto dell'amore” : il 'piccolo-Cola', il suo nome scientifico Garcinia cola, che secondo le popolazioni indigene dell'Africa occidentale, sarebbe dotata di un certo potere afrodisiaco, esso ricopre un ruolo importante nelle cerimonie religiose e profane, in tutti gli atti importanti delle popolazioni sud-saheliane, rappresetando anche un simbolo di fedeltà e per essere certi dell’amore della propria sposa.

PERCHE' SI TRADISCE

Chi non è stato innamorato almeno una volta nella vita???!! E quante speranze abbiamo riposto in quel bellissimo rapporto ma, poi qualcosa è successo.

L’importanza di essere assertivi

L’assertività è un modo di porsi rispettoso ed equilibrato verso se stessi e verso gli altri. E per affrontare meglio la vita.

STEFANIA SANTINI: L'AMORE CREA SOLO BUONI FRUTTI ...

intervista a Stefania Santini.
Stefania Santini nasce il 15 agosto del 1972 a Spoleto, una piccola città dell’Umbria, il “cuore verde dell’Italia”, una terra di pace e tranquillità, impregnata di spiritualità.

UNA DONNA IN RINASCITA . . .

intervista a Ludovica Sagramoso Sacchetti
Ludovica Sagramoso Sacchetti, donna eclettica classe 1965, milanese, sensibile, simpatica effervescente, professionista di successo, appartenente al mondo della Milano da bere!
Incontrata diversi anni fa in veste di fotografa, mi colpirono la sua dolce ma forte personalità e femminilità che riesce con sapiente maestria a trasferire nelle sue fotografie! Donna dal grande temperamento, volto molto spesso verso i più deboli si trova ora in un momento importante della sua vita, dove si tirano le somme. Davanti ad una tazza di cioccolata Ludovica è come un fiume in piena mi racconta la sua voglia di svoltare verso una seconda vita: “Ho appena terminato di smantellare il mio studio; il trasloco per me è come fare una serie di sedute dall’analista, una lunga e interminabile serie di flash-back di una parte della mia esistenza. E’ come mettersi a guardare un trailer autobiografico.”.... racconta Con lo sguardo fisso davanti a sè e gli occhi lucidi, affiorano i mille ricordi, emozioni, sensazioni e situazioni vissute, il trasloco diventa così un momento di immersione nel passando attraverso gli oggetti impolverati che si riprendono in mano, molti dei quali finiti nel cosiddetto “dimenticatoio” ma eccoli lì a rappresentare tutto ciò che si è vissuto, che è passato e non si rivivrà mai più.

GLI ANTICHI CONOSCEVANO GIA' LA “PILLOLINA BLU”

Molti racconti, miti e leggende si sono susseguite sul "frutto dell'amore” : il 'piccolo-Cola', il suo nome scientifico Garcinia cola, che secondo le popolazioni indigene dell'Africa occidentale, sarebbe dotata di un certo potere afrodisiaco, esso ricopre un ruolo importante nelle cerimonie religiose e profane, in tutti gli atti importanti delle popolazioni sud-saheliane, rappresetando anche un simbolo di fedeltà e per essere certi dell’amore della propria sposa.

La noce di cola è conosciuta ed utilizzata da tempo in Africa. È stata consumata per sopportare la fatica durante il duro lavoro agricolo o la caccia.
L'albero originario delle foreste della costa occidentale dell'Africa, che può misurare dai 12 ai 15 metri di altezza ha belle foglie verde scuro e fiori bianchi. Il frutti di cola sono grandi baccelli delle dimensioni di un uovo di piccione di colore rosso o bianco, sono formati da follicoli oblunghi e coriacei, raggruppati a 2-6 e contenenti da 5 a 10 semi ciascuno. Tali semi, chiamati impropriamente noci di cola, hanno un sapore particolarmente amaro ed astringente, dovuto all'abbondante presenza di vari alcaloidi e tannini.

E' stato utilizzato per secoli dalle civiltà antiche, riconoscendo a questo frutto di un particolare albero sempreverde appartiene alla famiglia delle Sterculiaceae, tipicamente tropicale che cresce nelle foreste pluviali di Africa, Brasile e Giamaica, proprietà curative e stimolanti l'appetito sessuale; la Cola gode di proprietà toniche, eccitanti, responsabile di tali attività è l'alcaloide caffeina, congiuntamente ad un'altra sostanza stimolante, chiamata teobromina.
La “petit cola” ha la capacità di agire sul sistema nervoso centrale, aumenta lo stato di vigilanza, la rapidità dei processi intellettivi, uno stimolante a livello fisico e migliora la contrattilità cardiaca, l'efficienza nervosa e quella cerebrale.

A forti dosi stimola i centri bulbari respiratori, vasomotori e vagali. Aumenta il metabolismo basale e la lipolisi. Si usa anche il seme di cola fresca, utile da masticare per sostenere sforzi prolungati in quanto diminuisce la percezione della fatica e dell'affanno. Il suo gusto originario è amaro, anche se questa caratteristica non impedisce a milioni di persone di cibarsi di esso.
La sua fama è talmente riconosciuta che è uno dei prodotti di più ampio consumo dell'Africa occidentale, tanto da aver rappresentato la "moneta" di scambio per i popoli della regione e da essere tuttora impiegata per comporre la dote delle spose.

Si trovavano tracce di questo frutto in America Caraibi e del Sud già nel XVII secolo ma, la sua fama internazionale è apparsa solo nel tardo XIX secolo, in particolare nel 1885, quando un farmacista di Atlanta, negli Stati Uniti, il dottor John Pemberton ha creato un composto di erbe energizzanti contenenti la petit cola e vino. Da questa scoperta è nata la nota bevanda alla quale successivamente furono rimossi le noci di cola sostituendoli con sintesi di caffeina e nel 1983 venne tolto anche il vino trasformando la bevanda in quella attuale che non è né tonico o afrodisiaco ma solo una soda.

Ancora una volta la storia ci insegna che basta voltarsi indietro per trovare molte delle soluzioni che ci vengono vendute come novità ma che la natura ha già pensato, l'indole umana è sempre alla ricerca di nuove situazioni per stimolare la libido per questo motivo case farmaceutiche hanno inventato la famosa pillolina blu e l'Italia è al secondo posto dopo l'Inghilterra nel farne uso.


Marinella Ventura

Scrivi il tuo commento

Contattaci se sei interessato far conoscere un argomento su uno dei temi trattati nella nostra testata...

La piattaforma per la creazione di siti professionali